Faenza. Momentaneamente sospeso lo spegnimento delle luci negli orari notturni: a confermarlo la decisione della Giunta comunale che risale al 6 dicembre.

Ridurre l’orario di accensione delle luci durante la notte rientrava tra le misure straordinarie per il contenimento della spesa energetica, sulla base di linee di azione condivise e concordate dopo un percorso di confronto tra tutti i Comuni della Provincia e gli organi di pubblica sicurezza. Una sorta di “ombrello” che consentirebbe di attivare all’occorrenza alcune azioni per fronteggiare le tariffe energetiche cresciute a livelli esorbitanti, colpendo non solo famiglie e imprese ma anche gli enti pubblici.

Tra le misure previste e già adottate, come la chiusura di alcuni uffici ed edifici pubblici ogni venerdì, la decisione di congelare momentaneamente lo spegnimento dell’illuminazione pubblica durante la notte è maturata in questi giorni alla luce di un quadro in continua evoluzione, in primo luogo la discesa dei costi dell’energia elettrica e la conseguente sostenibilità economica.

Il calo delle tariffe consente di sospendere temporaneamente il provvedimento dall’impatto sociale più elevato. Per il momento perciò nulla cambia, con i lampioni accesi tutta la notte.

Nell’eventualità di dover far fronte a nuovi rialzi delle tariffe energetiche ai livelli insostenibili dell’estate scorsa, resta in ogni caso intatta la possibilità nei prossimi mesi di attivare la misura di spegnimento dell’illuminazione pubblica, così come parziali rimodulazioni degli attuali orari di accensione e spegnimento.

(Annalaura Matatia)