Imola. Il corso nazionale, il primo della stagione sportiva corrente, si è concluso con l’esame, superato dai 10 giovani partecipanti, che andranno ad arricchire l’organico sezionale.

Nella foto, in piedi: Matteo Rossi, Francesco Vannini, Giuseppe Cassani, Badr Er Rachedy, Vincenzo Ciotta.
Accosciati: Filippo Sentimenti, Davide Mazzini, Michele Attoli, Davide De Luca, Giuseppe Dursi

Il percorso appena concluso ha approfondito le 17 regole del calcio e le argomentazioni più importanti del regolamento dell’Aia. Le prove d’esame, quiz interattivi sul regolamento e colloquio, si sono svolte alla presenza della commissione presieduta dal componente del Comitato regionale arbitri, Roberto Neri.

“Siamo soddisfatti dell’attività di reclutamento conclusasi con questo corso, ma proseguiremo perché abbiamo bisogno di altre risorse e di giovani che vogliano far parte del nostro mondo”, ha commentato con viva soddisfazione il presidente Luca Marzari. “L’età media dei nuovi arbitri non arriva a 17 anni e questo fa ben sperare per il futuro della Sezione. L’offerta formativa che offre il nostro sport è unica nel suo genere e non vediamo l’ora di vederli in divisa. Saremo pronti a supportarli nei momenti difficili e ad essere razionali nei momenti di eccessivo entusiasmo – ha concluso Marzari – perché un arbitro deve sempre essere equilibrato”.

La sezione Aia di Imola ha già in programma un nuovo corso, che partirà a gennaio 2023 per chiunque volesse entrare nella squadra degli arbitri. Le iscrizioni sono aperte sul sito www.aiaimola.it