Cervia. Torna il sorriso, che in realtà non è mai mancato, in casa Virtus Imola, dopo lo scivolone interno contro Senigallia. Al palazzetto di Cervia i gialloneri si impongono 82-63 dopo una gara non esaltante dal punto di vista dello spettacolo, ma con una prestazione di carattere e di grande sostanza nei due momenti clou del match. Molto si decide, infatti, sia nel 2° quarto, quando i gialloneri infilano un break di 14-0 che spezza l’equilibrio (dal 17-19 al 31-19) che, soprattutto, in meno di un minuto attorno al 2’ del 3° quarto quando la Virtus (avanti 41-28) piazza un break che chiude, di fatto la contesa: apre la schiacciata in contropiede di Mladenov, nell’azione successiva Galassi solo retina dall’arco e sull’ennesima ed immediata ripartenza, ancora Mladenov, ancora dall’angolo sinistro, per il 49-28 che mette in cassaforte i 2 punti in classifica.

Classifica che, ora, sorride parecchio ai gialloneri, al 4° posto in coabitazione con Jesi e Firenze. Un 4° posto che “è un bel regalo di Natale per tutti i giocatori, la società ed i tifosi della Virtus Imola” sottolinea il presidente Stefano Loreti al termine della cena post-partita “Un 4° posto che avevamo come obiettivo, ma che era tutt’altro che facile da raggiungere. Bravi i ragazzi in campo, bravo lo staff tecnico che ha fornito gli strumenti tecnico-tattici giusti per raggiungere questo obiettivo”.