Imola. Una nuova palestra al posto della copertura della piscina olimpica da 50 metri. E’ la decisione presa almeno per i prossimi anni dall’Amministrazione comunale, visto il lievitare dei costi per l’impianto natatorio che sono passati almeno dai 5 previsti a oltre 7 milioni di euro ovvero circa un terzo in più, spiegata il 19 dicembre nella commissione congiunta Bilancio e Lavori pubblici.

“A uno studio più approfondito eseguito da Area Blu – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Pierangelo Raffini – abbiamo visto che i fondi del Pnrr (Piano nazionale di resistenza e resilienza) di circa 2,5 milioni di euro avrebbero comportato l’accensione di un mutuo troppo oneroso da parte del Comune che già è impegnato per altre opere necessarie alla città e alle frazioni. La palestra invece, nelle immediate vicinanze del palaRuggi, di più di 1000 mq di superficie, che servirà pure per le esigenze del liceo scientifico ‘Valeriani’ e dell’istituto tecnico ‘Paolini’ costerà in tutto sui tre milioni di euro che potranno essere coperti con i 2,5 milioni del Pnrr, non vogliamo certo perderli, e 400mila euro di risorse direttamente provenienti dal Comune”.

La variazione di bilancio verrà portata per la votazione, insieme con altre, fra le quali il rincaro della bolletta energetica che sarà pagata quasi per intero con l’avanzo libero e l’avanzo vincolato di bilancio, nel consiglio comunale del 22 dicembre prima della pausa per le festività natalizie.

(m.m.)