Imola. La partenza dei lavori sui primi padiglioni dell’Osservanza e il rinnovo dell’illuminazione pubblica per avere più sicurezza sulle strade e dal punto di vista dell’ordine pubblico sono gli obiettivi principali da raggiungere nel 2023. Così ha detto il sindaco Marco Panieri prima del consueto brindisi con la stampa prenatalizio ricordando anche che “ci sono da completare i cantieri all’autodromo, tribuna alla Tosa e passerella all’interno dei box, in vista del 70esimo compleanno del circuito del Santerno che nella prossima estate vedrà passare anche il Tour de France oltre al confermato Gp di F1, il concerto dei Placebo, e altri eventi in via di elaborazione”.

Panieri, qual è il settore nel quale durante il 2022 non è riuscito a raggiungere i suoi obiettivi?

“Ci sono state ancora difficoltà nella partecipazione dei cittadini alla vita pubblica della città, ovviamente ha pesato la pandemia che in parte ancora perdura, ma possiamo e dobbiamo fare meglio. Io mi sto impegnando rispondendo, in un anno, a circa un migliaio di segnalazioni sul web, al telefono e con altri mezzi. In ogni caso, cercheremo di far partecipare la gente ai progetti per la città incontrandoli, per quanto possibile, di persona”.

Quali sono le segnalazioni maggiori?

“Devo dire che sono molto attenti al decoro urbano, alla pulizia dei parchi, non mancano di far notare quando qualcuno abbandona rifiuti, e alla manutenzione delle strade. Sul fronte della sicurezza, le lamentele sono diminuite rispetto all’anno scorso, ma teniamo alta la guardia”.

Rispetto a un anno fa, il 2021, le difficoltà sono diminuite o aumentate?

“Sono sincero, un anno fa lo scenario emotivo davanti al quale mi sono trovato di fronte, con una forte diffusione anche pesante del Covid, è stato molto pesante. Penso alla morte di Emanuela Vavallari mentre stava lavorando come Oss in ospedale, che abbiamo ricordato nei giorni scorsi. A volte, mi sono sentito solo in ufficio davanti a un problema più grande di me. Quest’anno, la pandemia ha morso meno, ma sono saltati fuori nuovi problemi socio-economici in gran parte dovuti alla guerra in Ucraina. Cerchiamo di aiutare le imprese e i commercianti pur nella difficoltà di far quadrare il bilancio comunale per il quale abbiamo dovuto fare diverse variazioni, l’ultima riguardante la non copertura della piscina olimpica da 50 metri. Comunque, guardo all’anno nuovo con fiducia forte del fatto di lavorare con una squadra ormai assai rodata”.

(m.m.)