Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta inviata da Martino Albonetti al sindaco di Faenza.

Caro Sindaco,
ti chiedo di essere autorizzato a cancellare la svastica che deturpa il sottopasso pedonale e ciclabile in via Forlivese. E’ dal 27 settembre che la tua amministrazione e il gruppo consiliare di Coraggiosa conoscono la situazione, ma nonostante tre mie richieste, nulla è stato fatto.

Come tu sai, ogni giorno dell’anno scolastico, fruiscono di quel passaggio sicuro decine di bambini e adolescenti tra i 6 e i 14 anni, diretti alle scuole Carchidio, sia in fila gioiosa col Piedibus, sia mano nella mano ai genitori. Sai bene anche come quelle siano delle età in cui le immagini s’imprimono nelle memorie neuronali, anche inconsce, con una forza da non trascurare.

Perché, ti chiedo, permettere d’associare quello che nel ventesimo secolo è divenuto il simbolo della massima ferocia, di violenza fisica bestiale, di stupro di corpi e di menti, al simbolo più semplice e conosciuto dell’amore in tutte le sue declinazioni?

Assessori e consiglieri da me informati nulla hanno fatto; mi autorizzi a passarci sopra una pennellata di vernice rossa?

(Martino Albonetti)