Imola. Nonostante fosse già sottoposto a una misura alternativa al carcere di affidamento in prova in una casa in periferia nella quale abitava con i fratelli, continuava a provocare gravi problemi a chi abitava insieme con lui.

Uno dei fratelli si è deciso a chiamare la polizia quando quello in prova, un italiano di 50 anni, gli chiedeva sempre soldi e per convincerlo lo minacciava di tagliargli le mani.

A tal punto. gli agenti del commissariato di via Mazzini hanno fatto una perquisizione nell’appartamento e hanno trovato una spada appartenente al 50enne. Di conseguenza, i fratelli non lo volevano più con loro ed è stato licenziato pure dal posto di lavoro dove aveva trovato un impiego.

Al 50enne è quindi stata data la custodia cautelare nel carcere della “Dozza” a Bologna.