Spett. redazione,
un grande grazie è quello che la “Compagnia del garganello” rivolge ad Ondina e Franco Bassi all’indomani della chiusura della loro attività di imprenditori.

La “Compagnia del garganello”, che continua a promuovere questa pasta tipica di Imola come attesta la denominazione con cui è stata depositata presso la Camera di commercio di Bologna lo scorso anno dall’Accademia Italiana della Cucina, ha sempre trovato in Franco e Ondina Bassi una preziosa ospitalità per tutte le sue iniziative.

La Compagnia tutti gli anni si è ritrovata presso l’Antico Tre Monti per proporre il garganello sia nella versione originale rigorosamente in brodo di cappone sia in abbinamento con quelle che sono le produzioni tipiche e di qualità del territorio imolese, dal cardo allo scalogno, al carciofo moretto ai formaggi: più di 20 appuntamenti nell’arco di un decennio, con commensali sempre entusiasti dell’accoglienze e della qualità della proposta gastronomica, con Ondina che allestiva una sala accogliente e piena di luce e Franco che si affacciava in sala per raccontare i piatti proposti.

Ma il ricordo va ad un evento particolare che tuttavia auspichiamo possa ripetersi ancora anche con la presenza di Franco e Ondina: la disfida tra il garganello e la tagliatella che vide le due paste affrontarsi sulla distanza di tre diversi condimenti.

Garganello versus Tagliatella con ragù tradizionale, con prosciutto e piselli e con funghi porcini.

I giurati furono tutti i commensali e la vittoria arrise, e non di stretta misura, al garganello di Imola.

Allora ancora grazie a Franco e Ondina, al dolce sorriso di lei e alla grandi mani di lui, alla voglia di conservare e innovare la cucina di tradizione di lui e al calore di lei, che ti faceva sentire a casa!

Grazie per la loro ospitalità e per il grande affetto e la grande sapienza culinaria con cui hanno accolto noi e ancora di più tantissimi ospiti da tutto il mondo.

(Per la Compagnie del garganello, Fabrizia Fiumi)