Imola. Controllavano il mercato della cocaina sulla “piazza” della città. Da qualche tempo, nel corso delle loro investigazioni gli agenti del commissariato di polizia avevano posto la loro attenzione su un italiano di 55 anni che si muoveva a bordo di uno scooter.

Nei giorni scorsi, è stato fermato per un controllo e gli è stato trovato nelle tasche mezzo grammo della “polvere bianca”. A tal punto, la perquisizione si è spostata nell’abitazione del 55enne, all’interno di un capannone che si trova nella zona industriale. Nel bagno, è stato trovato un cittadino di origine albanese di 42 anni che è stato considerato il suo complice. Nel comodino vicino, sono stati ritrovati 10 involucri di cocaina per un totale di 5 grammi oltre a una bilancina di precisione, cellophane, e una confezione di bicarbonato.

Inoltre, sempre in altri ripostigli del bagno sono stati rintracciati altri 5 involucri con 4 grammi di “coca” e altri per 18 grammi in un vasetto per un totale di 27 grammi di droga pesante, solitamente consumata da persone ricche perché ha un costo alto sul mercato. Infine, c’era un telefono cellulare per comunicare con i clienti.

Il tutto è stato sequestrato dalla polizia che ha arrestato i due uomini per detenzione a scopo di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto è stato convalidato e i due ora si trovano in stato di libertà in attesa del processo.