“Siamo orgogliosi e onorati di poter ospitare a Imola, all’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari”, il World Endurance Championship, che torna esattamente cinquant’anni dopo la prima gara. Siamo già in attesa del 21 aprile 2024, per uno degli eventi più suggestivi e rilevanti nel panorama motoristico, che rappresenta un’opportunità incredibile per tutto il territorio, non solo per Imola”, dichiara il sindaco Marco Panieri che era il 9 giugno a Le Mans, durante la conferenza stampa, da parte del CEO di “Le Mans Endurance Management”, Frédéric Lequien è stata manifestata una vicinanza molto sentita nei confronti della nostra zona, che nelle ultime settimane ha sofferto molto a causa degli eventi alluvionali; lo stesso Frédéric Lequien ha voluto rimarcare la nostra forte passione nel volere ospitare il WEC a Imola, per legarlo in modo significativo con il cuore della città e con le eccellenze territoriali, non solo allo storico tracciato.

L’edizione WEC del 2024 a Imola cadrà esattamente a trent’anni dalla morte di Ayrton Senna e nel calendario mondiale trova posto anche São Paulo. Sempre qui a Le Mans, per questo, ho potuto conoscere il Sindaco di São Paulo in Brasile, Ricardo Nunes, con il quale è iniziata, insieme al Direttore Generale dell’Autodromo di Imola, Pietro Benvenuti, anche lui presente a Le Mans, un’efficace e profonda interlocuzione in vista delle celebrazioni per il 30°anniversario dalla morte di Ayrton Senna, che si svolgeranno il 1° maggio 2024”.

Gian Carlo Minardi (Presidente Formula Imola): “L’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari e la città di Imola sono sempre più protagonisti nel panorama mondiale delle corse automobilistiche. Non possiamo che essere orgogliosi di questo risultato, che ci vedrà ospitare il WEC nel 2024 nella data 19-21 aprile, frutto del lavoro intenso di Formula Imola, Amministrazione Comunale e Con.Ami e della grande credibilità a livello internazionale che l’Autodromo si è saputo conquistare in questi anni. Dopo la Formula 1 dunque un’altra perla si aggiunge alla collana delle nostre manifestazioni, in una stagione, la prossima, che vedrà oltretutto impegnate nella categoria Hypercar ben tre Case costruttrici italiane, Ferrari, Lamborghini e Isotta Fraschini. Imola sarà il secondo di un campionato articolato su otto round, andando ad accostare il proprio nome alla mitica 24 Ore di Le Mans. Ritengo questo accordo un grande successo per tutto il territorio, un segnale forte e preciso di ripartenza dopo il dramma che lo ha colpito, dimostrando ancora una volta di avere sempre più un ruolo centrale e consolidato per quanto riguarda il motorsport mondiale”.