Imola. Il Comune ha messo a disposizione del Commissariato di Polizia, tramite la propria società in house Area Blu, un appartamento da adibire ad alloggio collettivo per il personale della Polizia di Stato. Il 28 giugno, in municipio, è stato siglato l’accordo, alla presenza del Prefetto di Bologna, dott. Attilio Visconti, del Questore di Bologna, dott.ssa Isabella Fusiello, del sindaco di Imola, Marco Panieri e del direttore di Area Blu, Emanuele Rocchi. L’alloggio è stato individuato nel patrimonio del Comune (che viene gestito da Area Blu), tra le unità immobiliari ora sfitte e ripristinabili a costi contenuti, con almeno quattro vani nel quartiere Pedagna; è in grado di ospitare tre agenti entro brevissimo tempo, consentendo in questo modo di aumentare l’organico in servizio al Commissariato di Imola.

Ci sarebbe ovviamente bisogno di fare molto di più per soddisfare la domanda di sicurezza dei cittadini visto che il personale è sotto organico da lungo tempo, si tratta di un piccolo passo nella speranza che arrivino presto altri agenti a dar man forte a quelli attualmente presenti, che sono sotto pressione per il tanto lavoro da sbrigare, non solamente sulle strade ma pure amministrativo come quello dei passaporti e non solo.

Da sinistra il Questore Isabella Fusiello, il Prefetto Attilio Visconti e il sindaco Marco Panieri

La decisione del Comune di Imola nasce per dare risposta alla Questura di Bologna, su segnalazione del dirigente pro-tempore del Commissariato di Polizia, che manifestando l’intenzione di incrementare l’organico del personale di Polizia presso l’ufficio di Imola, evidenzia la carenza di soluzioni per l’alloggio all’interno della locale stazione e la scarsa appetibilità del trasferimento di dipendenti ad Imola visti i canoni di locazione elevati, richiedendo contestualmente all’Amministrazione la disponibilità a concedere un alloggio in comodato.

Il sindaco Marco Panieri definisce l’accordo “una nuova strategia sulla sicurezza, che era uno degli obiettivi della nostra Amministrazione fin dall’inizio del mandato, nel 2020. Dopo gli investimenti sulla videosorveglianza e sui mezzi della Polizia Locale, insieme ad altre iniziative come il progetto di sicurezza urbana degli Street Tutor e il Piano Anti-Stupefacenti da 39mila, oggi si rafforza la sinergia fra i corpi con la messa a disposizione di questo appartamento per la Polizia di Stato. La convenzione, per la quale ringrazio Prefetto e Questore, consentirà un maggiore radicamento nel territorio, la prossimità e rapidità degli interventi e un aumento dell’organico su Imola, come già condiviso con le Istituzioni. Inoltre l’appartamento si trova in Pedagna, andando a valorizzare il quartiere con una presenza aggiuntiva da parte delle forze dell’ordine”.