Imola. “Nina dei Lupi”, il film di Antonio Pisu approda a Imola martedì 14 novembre, ore 20.45, alla sala Bcc Città e Cultura del cinema Centrale di Imola. Assieme al regista saranno presenti anche il produttore Paolo Rossi Pisu e il direttore della fotografia Marco Ferri. La serata sarà mediata dal giornalista Luca Balduzzi.

Un evento, organizzato da Cincecircolo Celluloide e dall’associazione “Noi Giovani”, che riporterà il regista nella città di Imola in cui sono radicate le sue radici più profonde: “Imola è una città a cui sono legato dall’infanzia poiché mia nonna era di Imola e adesso vive lì mia madre – afferma Antonio Pisu – quindi l’idea di portarlo in una città che ha un significato cosi familiare e amichevole per me mi rende molto orgoglioso”. Prosegue poi il regista: “Nina dei Lupi è un film distopico tratto dall’omonimo romanzo, finalista del premio Strega, di Alessandro Bertante e gli scenari post apocalittici sono delle visioni che mi piacciono come spettatore quindi volevo da tempo fare un film del genere. Volevo sfruttare una situazione distopica ed estrema come la fine del mondo per mostrare il comportamento degli esseri umani. Le persone vivono con delle maschere dettate dai comportamenti che la società ci impone, mentre in una condizione estrema come quella della sopravvivenza si vede chi sono realmente le persone e qual è il loro animo”.

Nina dei Lupi è un fantasy-thriller caratterizzato da immagini post apocalittiche come l’improvvisa tempesta solare che rende inutilizzabile qualsiasi apparecchiatura elettronica sul pianeta. Parallelamente a quell’evento inizia e si sviluppa il percorso della protagonista Nina, giovane adolescente con poteri sovrannaturali tutti da scoprire dentro di sé.

Presentare al pubblico italiano un film di questo tipo rappresenta una sfida nuova e avveniristica che la casa di produzione Genoma Films – fondata nel 2016 dallo stesso Antonio Pisu insieme a Paolo Rossi Pisu – ha scelto per ritornare alla regia dopo il pluripremiato Est – Dittatura Last Minute del 2020.

Un film di questo genere rappresenta una sfida continua anche per i reparti scenografia e costumi, ma soprattuto per il direttore della fotografia Marco Ferri: “Fin dalla prima lettura della sceneggiatura sono stato catapultato in un mondo lontano e affascinante. Ho pensato a quante sfide tutte assieme avremmo affrontato tra una protagonista giovanissima, tanti lupi da gestire e soprattutto alle tante immagini in notturna o comunque in assenza di elettricità.
Ho cercato di ricreare atmosfere contrastate e buie ma che fossero più realistiche possibili. In un contesto esterno e notturno ho utilizzato tantissimi effetti speciali veri sul set come fuoco o nebbie. Ritengo che siano state tante sfide con cui ho approfondito la conoscenza di un lavoro che avevo già fatto, ma mai in maniera cosi massiccia”.

Un ulteriore motivo di vanto per il produttore Paolo Rossi Pisu è inoltre la certificazione “Green Film” assegnata dalla Trentino Film Commission: “Produrre un film fantasy nel rispetto dell’ambiente e con quel film avere l’onore di aprire le Giornate degli autori a Venezia ed essere in concorso al Sitgest – Festival Internazionale del Cinema Fantastico – insieme a tutti i film più interessanti del genere è un orgoglio enorme. Presto ci saranno altre belle notizie che riguardano Nina dei lupi”.

Ma c’è anche da sottolineare il legame instauratosi tra Genoma Film e l’Università Iulm che durante la produzione del film ha fornito la possibilità agli studenti del corso di laurea magistrale in Televisione, Cinema e New Media di svolgere un tirocinio sul set del film per l’intero periodo di riprese. Fra questi una studentessa ha affiancato come stagista di regia Antonio Pisu il quale afferma: “La sinergia con Iulm nasce dal legame che ho con Gianni Canova che ha recensito meravigliosamente il mio precedente film Est. La formazione dei giovani va affiancata col lavoro e non sempre questo accade. Noi siamo stati felici di coinvolgere alcuni ragazzi dell’ultimo anno nelle riprese per fargli fare esperienze dirette e vedere com’è il lavoro sul campo”.

Nina dei lupi è un film uscito nelle sale il 31 agosto 2023 dopo la proiezione speciale a Venezia 80 – come film di apertura della rassegna “Giornate degli autori” – all’interno del quale troviamo le interpretazioni di Sergio Rubini, Sara Ciocca, Sandra Ceccarelli, Cesare Bocci e Davide Silvestri.

L’ingresso alla sala prevederà il pagamento di una quota d’ingresso (7 € prezzo intero, 6 € ridotto e 5 € per i soci dell’associazione).