Imola. Il ritorno, dopo un anno sfortunato con l’alluvione, del Gp di F1, e il passaggio del Tour de France il 30 giugno dopo aver affrontato la salita della Galisterna decisiva nel Mondiale ciclistico del 2020. Basterebbero due super-eventi come questi per definire straordinario il calendario “ufficioso” ma quasi ufficiale dell’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” per il 2024 che ha in serbo molto altro ancora con una programmazione che riempirà tutto l’anno, presentato il 18 dicembre in anteprima nella sala stampa.

Il presidente di Formula Imola Gian Carlo Minardi ha elencato gli appuntamenti più importanti del Motorsport: “Cominceremo con il WEC (World Endurance Championship) dal 19 al 21 aprile per continuare con il Gp di F1 dal 17 al 19 maggio, quindi con Le Mans Series dal 5 al 7 luglio e chiuderemo col botto con le Finali Ferrari Mondiali dal 16 al 20 ottobre. Voglio anche ricordare la conferma del CIV (Campionato Italiano Velocità) per quanto riguarda le moto”.

Poi è toccato all’assessore all’Autodromo Elena Penazzi rammentare il ruolo sempre più presente di polifunzionalità che sta assumendo la struttura ricordando “l’appuntamento dell’8marzo con il WoW Women Motor quando, in collaborazione con la Motor Valley, l’Autodromo ospiterà un evento tutto al femminile. Nel corso della giornata, dedicato al ruolo delle donne nell’industria e negli sport motoristici, ci saranno prove di sicurezza stradale e guida sicura, convegni e dibattiti con la presenza di aziende dell’Automotive. La musica farà da sfondo a tutto ciò che avverrà nella zona dei paddock, stiamo lavorando per portare a Imola anche quest’anno qualche grande evento musicale”.

L’ex campione di bici Davide Cassani ha sottolineato che “oltre allo storico passaggio del Tour de France, il ciclismo avrà un altro momento di grande visibilità con la partenza della tappa Imola-Urbino del Giro d’Italia Donne. Da non dimenticare poi il Duathlon Sprint il 16 e 17 marzo”. E come non ricordare la conferma dell’intramontabile classica podistica Tre Monti a ottobre?

Il presidente del Con.Ami Fabio Bacchilega ha sottolineato “gli investimenti massiccci del Con.Ami sull’Autodromo per raggiungere obiettivi molto importanti. Naturalmente il ‘cuore’ è il Motorsport, siamo ‘Terre e Motori’, ma stiamo sviluppando sempre di più la polifunzionalità della struttura e il tema della sostenibilità ambientale in stretto collegamento con l’Università”.

Il sindaco Marco Panieri ha ricordato “che veniamo da tre anni difficili con il Covid e le alluvioni, ma vogliamo dare una prospettiva sempre più ampia e piena di obiettivi. Imola vuole stare nel mondo e ci sono le premesse per aumentare i collegamenti con la quarta corsia dell’autostrada e il raddoppio della linea ferroviaria. Nel 2024 cade il trentennale delle morti di Senna e Ratzenberger, abbiamo iniziato a celebrarli con una bella mostra attualmente a Castel San Pietro che poi arriverà e avrà scatti inediti a Imola. Con Monza abbiamo un ottimo rapporto istituzionale, non c’è posto per i conflitti anzi facciamo squadra insieme per avere più Gp in Italia”.

A tale proposito l’assessore regionale al Bilancio Paolo Calvano ha detto che “come Regione abbiamo già stanziato i fondi di nostra competenza per recuperare il Gp di F1, perso quest’anno, nel 2026. Imola è al centro della Motor Valley dell’Emilia Romagna e questo calendario ne è la dimostrazione”.

(m.m.)