Imola. La giunta ha approvato l’atto di attribuzione e trasferimento a titolo gratuito dal Demanio dello Stato al Comune di Imola di una porzione del compendio denominato “Ex Casa del Fascio”. Ora la delibera della giunta sarà esaminata prima in Commissione Bilancio, lunedì 18 marzo e successivamente in consiglio comunale, giovedì 21 marzo, per l’esame finale.

Si tratta, nello specifico, di tre unità immobiliari, attualmente non utilizzate, che sono costituite da due locali posti in via XX Settembre, al piano terra e al primo piano (civici n. 2, 2/A, 4, 6, 8/A) e da un locale in angolo fra via XX Settembre e piazza Gramsci (civico 18, 18/A, 19, 19/A, 20).  I locali in via XX Settembre hanno avuto come ultima destinazione quella di negozio, dopo un utilizzo decennale a uffici-studio professionale, mentre il locale di piazza Gramsci era in origine utilizzato come attività di bar, “Bar Tazza d’oro”, trasferito in altra sede, poi, per alcuni anni negozio di abbigliamento, quindi, restato inutilizzato da diversi anni.

 L’obiettivo del Comune è valorizzare i locali – Il Comune ha effettuato l’acquisizione in proprietà e a titolo non oneroso al fine di valorizzare i suddetti locali, secondo quanto previsto dall’Accordo di Valorizzazione e relativo Programma approvato con la stessa delibera, al fine di destinarli ad attività culturali, creative e al mondo associativo e giovanile, con le modalità e finalità previste dalla normativa del Federalismo Demaniale culturale. Il programma prevede di valorizzare l’immobile attraverso il suo recupero e la fruizione da parte della collettività e delle associazioni culturali del territorio, mettendo a disposizione spazi per la promozione del territorio. A tal proposito l’Accordo di Valorizzazione ed il relativo Programma di Valorizzazione definiscono una serie di interventi di recupero e successiva manutenzione, diretti alla conservazione e funzionalizzazione del bene, che saranno gestiti e realizzati da “Area Blu spa”. Il costo complessivo di questi interventi (rifacimento impiantistica, bagni, pavimenti, revisione infissi, tinteggiatura, ecc.) è di 445 mila euro, che saranno finanziati dal Comune di Imola. Per quanto riguarda i tempi, si prevede di completare i lavori entro l’anno, per poi procedere con i bandi per l’assegnazione dei locali.

Verranno creati contenitori culturali – La posizione strategica del bene valorizzato, nel cuore del centro storico ne agevola la pubblica fruizione. Il Programma di Valorizzazione dell’immobile “Ex Casa del Fascio” –- prevede di valorizzare l’immobile attraverso il suo recupero e la fruizione dei suoi spazi da parte della collettività e delle associazioni culturali del territorio, offrendo spazi per la promozione turistica del territorio. L’obiettivo del programma di valorizzazione è quello di creare degli spazi di riferimento che possano fungere da contenitori culturali, poli di riferimento e sede attrattiva di associazioni presenti sul territorio, con sale espositive a completare lo sviluppo di funzioni legate allo sviluppo della creatività di singoli e gruppi e alla documentazione del patrimonio culturale. Sono i locali dislocati lungo la Via XX Settembre che saranno destinati a punto di riferimento di tali attività progettuali e di sviluppo di idee con l’integrazione di diverse professionalità: artisti, designer, architetti, ecc. ove avranno la sede per progettare iniziative culturali, interventi sociali e di riqualificazione urbana, ma anche di promozione del turismo e di valorizzazione culturale e artistica, usufruendo di risorse, rapporti e servizi in sinergia con soggetti pubblici quali Ufficio Cultura del Comune o di altri enti, Musei, Biblioteca, Associazione Proloco, IF (Imola Faenza Tourism Company), ecc. Il vasto locale con relativi servizi, da ristrutturare, in angolo con Piazza Gramsci, sarà destinato a spazio espositivo per le arti creative in genere, la fotografia, la pittura, la scultura, eventi culturali di stampo classico ma anche eventi artistici particolarmente innovativi e legati al mondo giovanile come la Street – Art o caratterizzati dall’utilizzo di tecnologie multimediali e multisensoriali avanzate. L’innovazione consiste nel favorire iniziative culturali di provenienza e matrice diversa che contribuiscono a temi come la sostenibilità ambientale, la coesione sociale e Io sviluppo del territorio. Questo spazio si farà promotore e volano di promozione e divulgazione con le sue iniziative, documentazione ed esposizioni. Non mancherà infatti, un calendario di eventi con l’obiettivo di valorizzare e promuovere l’importante e diffuso patrimonio culturale copioso nel centro storico di Imola.

Per la gestione saranno coinvolte le realtà culturali del territorio – Per la gestione della struttura e delle attività previste, l’Amministrazione Comunale, come indicato nell’Accordo di Valorizzazione, ha intenzione di coinvolgere le tante realtà culturali che operano sul territorio comunale con processi partecipativi e prevede di individuare uno o più gestori per le attività affidate, da selezionare mediante bando pubblico con apposita convenzione di obblighi, e ritenuto, pertanto, che nell’ambito della riorganizzazione degli utilizzi degli spazi e con l’ausilio delle associazioni, assegnatarie di parte degli stessi, non ci saranno ulteriori oneri di conduzione a carico del Comune.