In merito all’articolo “Cavim, Poletti non paga” pubblicato in data 11 marzo 2024 precisiamo che le affermazioni relative ad alcuni amministratori delle gestioni passate della cooperativa non sono suffragate da documentazione in nostro possesso.

Si trattava di una breve digressione sulla confusione che si è creata attorno alla Cavim che rende difficile individuare precise responsabilità e con un po’ di ironia si affermava che in questo modo c’era il rischio di chiamare in causa tutti coloro che avevano amministrato la cantina.

Quella che per noi era una semplice ironia si prestava però ad interpretazioni maliziose. Dobbiamo quindi delle scuse a chi si è sentito chiamato in causa in modo del tutto inappropriato.

(m.z.)