Alla terza prova del Campionato di serie A1 2024 della Federazione Ginnastica d’Italia disputatasi a Ravenna il 7 aprile, straordinario risultato di Alessia Guicciardi che totalizza ben 51.750 punti realizzando così il suo massimo punteggio all around di sempre. Ottima anche la tenuta di gara di Carolina James che sfiora i 50 punti (ottenuti e superati nelle prove precedenti) pur con un errore finale al volteggio, e che durante tutto il Campionato ha dimostrato di essere la più costante.

Queste due ginnaste sono e restano le punte di diamante della Ginnastica artistica imolese e sicuramente ne sentiremo parlare nelle prossime gare individuali.

Da segnalare anche l’ottima prestazione al corpo libero di Tiziana Purpora: con il suo contributo la squadra ottiene il quinto posto generale di gara a questo attrezzo, quinto posto ottenuto anche all’attrezzo trave grazie a esercizi impeccabili.

Purtroppo nonostante l’ottima prova delle biancoverdine a Ravenna, non è stato possibile mantenere la permanenza in serie A1 per il quinto anno consecutivo. Ma la discesa in A2 non scoraggia la società imolese che è fiera dei propri talenti e punterà a una veloce risalita il prossimo anno. D’altronde, di fronte a un anno caratterizzato dalle assenze per infortunio di diverse ginnaste, non si poteva fare altrimenti.

Carolina Carlucci, Giorgia Centenaro e Chiara Pontil, che sarebbero state determinanti nella formazione di un terzo e quarto punteggio alto per ogni attrezzo, non hanno gareggiato essendo stato dato il giusto rispetto dei periodi di fisioterapia e recupero prescritti dai medici, come sempre senza anteporre le richieste del Campionato in corso.

Un plauso a Nisrine Hassanaine, che nonostante l’impossibilità di esprimersi ad attrezzi diversi dalle parallele per problemi ad una caviglia, ha dimostrato ancora una volta costanza e tenacia infallibile in gara, e a Sofia Fabbri per il suo prezioso contributo al volteggio.

Purtroppo anche questa volta il prestito torinese della Società Tigers Academy, Martina Comoglio, che la squadra ringrazia per l’impegno profuso, non ha potuto dare il valido apporto atteso in termini di punteggio.

Si chiude il Campionato con il decimo posto tra le migliori 12 squadre italiane della massima serie ma con tanta soddisfazione per la prova di Ravenna.