Sabato 8 giugno, dalle 15 alle 23, e domenica 9 giugno, dalle 7 alle 23, si vota in tutta Italia per il rinnovo del Parlamento europeo. Contemporaneamente, negli stessi giorni e nelle stesse ore, si vota per le elezioni amministrative oltre tremila Comuni italiani. Otto sono nel circondario imolese: Castel San Pietro, Medicina, Castel Guelfo, Dozza, Mordano, Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice. Possono votare coloro che hanno compiuto i 18 anni, che si recano ai seggi con un documento di identità e con la tessera elettorale.

Abbiamo inviato a tutti i candidati sindaci tre domande per illustrare agli elettori il loro programma e le iniziative che intenderanno mettere in campo qualora fossero eletti.

Comune di Borgo Tossignano

Nome della lista: Per Borgo Tossignano insieme

Candidato sindaco: Mauro Ghini (sindaco uscente)

Biografia

Mi chiamo Mauro Ghini, abito e lavoro come titolare di un’officina d’auto a Borgo Tossignano, dove sono nato nel 1971. Appartengo ad una famiglia, che mi ha insegnato l’importanza dei valori di vita quali il rispetto, la dedizione e il lavoro, dalle radici saldamente legate al paese. Sono padre di 3 figli e ho 2 nipoti ai quali cerco di tramandare gli stessi antichi e saldi valori. Molte le soddisfazioni e i traguardi importanti raggiunti in ambito lavorativo e sportivo. Importanti premi conseguiti a livello italiano ed europeo. Dopo 5 anni in municipio come vicesindaco, nel 2019 è iniziato il mio quinquennio da primo cittadino. Un’esperienza formativa e impegnativa, in un periodo segnato da delicate criticità globali come pandemia, conflitti bellici nel continente, rincari energetici vari e alluvione. Ritengo di avere operato nel giusto modo con coscienza e operosità per la valorizzazione e la tutela della comunità e del territorio.

Mauro Ghini

Le risposte

Quali sono i tre punti centrali che caratterizzano la sua campagna elettorale?
I tre punti centrali che caratterizzano la mia campagna elettorale sono: il continuo confronto con i cittadini, la trasparenza di ogni azione messa in campo come amministrazione uscente, nella redazione del nostro programma e la presenza di una lista di candidati davvero rappresentativa delle competenze e professionalità presenti nel nostro territorio.

Se verrà eletto sindaco, quali saranno le prime tre cose da fare nei primi 100 giorni di mandato?
Senza dubbio dare continuità all’opera di ricostruzione post alluvione perché i danni provocati da frane e smottamenti sono significativi e non possiamo permetterci soste. Un lavoro che nell’ultimo anno, specie sul fronte del ripristino della viabilità, ha assorbito in toto il compito degli uffici del municipio a scapito dell’ordinario. Le politiche preventive di messa in sicurezza del territorio e salvaguardia ambientale sono prioritarie così come dovremmo intensificare le azioni di promozione del nostro patrimonio naturalistico, recentemente entrato nel novero dei siti certificati Unesco con l’eccellenza del Parco della Vena del Gesso romagnola, per creare crescenti flussi turistici. Ci sono i nostri giovani da coinvolgere sempre di più nell’attività amministrativa e nello sviluppo della quotidianità in paese. Loro sono il nostro futuro e dobbiamo tutelare questo grande capitale umano.

Perché un elettore dovrebbe votare lei e non il suo avversario?
Non mi piacciono i paragoni. Chiunque decide di mettere in campo il proprio tempo e le proprie competenze a disposizione della collettività merita, a prescindere, grande rispetto. Senza dubbio, però, l’esperienza amministrativa a livello locale è una componente essenziale per rivestire certi ruoli. Per amministrare occorre essere dinamici attenti ai continui cambiamenti normativi. E in questo senso, quanto fatto nel quinquennio passato, merita di trovare il proprio compimento attraverso un processo di continuità che passa dalla conferma della nostra proposta amministrativa. Il nostro programma parla chiaro: azioni concrete e pochi slogan o voli pindarici. Ecco, se devo proprio dire due valori aggiunti della lista ‘Per Borgo Tossignano Insieme’, parlerei di concretezza, dinamicità, continuità e serietà.

I candidati della lista

Federica Cenni (1969, grafica pubblicitaria)
Chiara Dall’Osso (1989, educatrice d’infanzia)
Gabriele Bartoli (1981, tecnico meccanico)
Claudio Suzzi (1960, impiegato tecnico)
Filippo Faziani (2001, progettista elettrico industriale)
Ikram El Arbaoui (1999, studentessa)
Filippo Zanini (1986, insegnante)
Antonio Maggio (1983, educatore sociale)
Federica Fratangelo (1977, barista)
Alessia Fontana (1967, commerciante)
Ivano Pasquali (1957, pensionato)
Aldina ‘Ada’ Milani (1950, pensionata).

****

Nome della lista: Progetto civico

Candidato sindaco: Paolo Sartiani

Biografia

Negli anni più recenti sono stato fondatore e vice presidente della Coop “Il sorriso” per il recupero dei tossicodipendenti, Presidente della onlus “Io vivrò” a sostegno dei malati di Sla. Sul piano amministrativo sono stato consigliere al Conami dal 2008 al 2013. Autore di cinque romanzi.

Paolo Sartiani

Le risposte

Quali sono i tre punti centrali che caratterizzano la sua campagna elettorale?
Presenza degli amministratori in municipio, trasparenza degli atti, capoluogo e frazioni ordinati e puliti.

Se verrà eletto sindaco, quali saranno le prime tre cose da fare nei primi 100 giorni di mandato?
Video sorveglianza agli ingressi del paese e sui cassonetti per la raccolta dei rifiuti; progettazione per nuovo invaso per raccolta acqua dal fiume, per ambiente polifunzionale dedicato mensa scolastica, mensa per anziani soli, feste sociali e laboratori per il tempo libero. Demolizione edifici fatiscenti in frazione Tossignano.

Perché un elettore dovrebbe votare lei e non il suo avversario?
Assieme ai componenti della mia lista siamo liberi dai condizionamenti dei partiti, soprattutto imolesi, che hanno fatto solo danni e la loro intrusione continua; il mio avversario è al governo del comune già da dieci anni e quello che poteva esprimere lo ha già fatto.
Troppe proposte generiche e pochissimi fatti. Per nulla comunicativo in una amministrazione poco trasparente.

I candidati della lista

Andrea Trevisan (1977)
Cristiano Cavina (1963)
Giuseppe Collina (1952)
Erika Dallatorre (1984)
Ilyan Dosi (1991)
Mauro Drago (1955)
Marzia Guermandi (1967)
Daria Lozzi (2003)
Erika Marino (1999)
Anna Rita Monti (1958)
Rita Turrini (1954)
Ramis Zekthi (1986).