Abbondano i talk show su quasi tutte le televisioni e, comunque, su tutte quelle più note, Rai compresa. Essere servizio pubblico dovrebbe voler dire fare la differenza, ma lasciamo perdere.

Gli ospiti sono, di fatto, sempre gli stessi. In generale politologi e filosofi (di questi ultimi Wikipedia, per il XXI secolo, in Italia ne censisce ben 332!). Uno di questi, Massimo Cacciari, ne dice di tutti i colori, oltre che nei tanti talk di cui è protagonista anche sui giornali. Gli fa eco Paolo Mieli, il giornalista-storico (o lo storico giornalista?) che commenta tutto e tutti. Non manca Stefano Folli. E l’elenco, non lunghissimo, potrebbe proseguire.

Ognuno di loro monta e smonta analisi ogni giorno e pontifica, spesso dimenticando di riconoscere di non avere azzeccato nessuna delle sue previsioni il giorno prima.

Anche in questo campo si potrebbe dire: largo ai giovani (ce ne sono?) ed alle donne (ve ne sono).

Perché? Ci avete stancato.

(La secchia rapita)