E adesso povero Partito democratico?

di Mauro Magnani